martedì 18 dicembre 2012

lunedì 12 novembre 2012

mercoledì 31 ottobre 2012

Volo United Airlines 105 testimonia l'avvistamento di una formazione di UFO a forma di disco

un DC-3 della United AirLines
Solo circa una settimana dopo l'ormai famoso avvistamento del Mt.Rainer da parte del ​​pilota Kenneth Arnold, l'equipaggio di un DC-3 della United Airlines , avvistò due formazioni distinte di dischi privi di ali, poco dopo il decollo da Boise . Il volo United 105 aveva lasciato Boise alle ore 9:04 Circa otto minuti dopo, sulla rotta per Seattle, oltre Emmett , Idaho , il Co-pilota Stevens, individuò il primo dei due gruppi di oggetti , e così accese le luci di atterraggio sotto l'iniziale impressione che gli oggetti fossero altri aerei. Ma , osservandoli meglio contro il cielo crepuscolare, Smith e Stevens si resero presto conto che né ali né coda erano visibili sui cinque oggetti di fronte. Dopo aver chiamato una hostess, al fine di ottenere una terza conferma , osservarono la formazione un po 'più a lungo , chiamato Ontario , Oregon CAA per cercare di ottenere la conferma da terra , videro poi l'accelerazione in avanti della formazione e sparire ad alta velocità in direzione ovest.
Smith sottolineò che non c'erano stati fenomeni nuvolosi per potersi confondere e osservarono quegli oggetti abbastanza a lungo per essere certi che non erano aerei convenzionali. Sono apparsi "piatti sul fondo , e arrotondati in nella parte superiore", ed aggiunse che sembrava esserci una percettibile "ruvidità" di qualche tipo sulla parte superiore , anche se non poteva definire tale descrizione. Quasi subito dopo aver perso di vista i primi cinque, una seconda formazione di quattro (tre in linea e un quarto di lato) si mossero in avanti della loro posizione, di nuovo diretti verso ovest, ma ad una quota leggermente superiore al DC-3 che si trovava ad 8000 ft . Questi passarono velocemente fuori dalla portata visiva verso ovest ad una velocità che era ben al di sopra delle velocità allora conosciute. Smith sottolineò che non sono mai stati certi delle dimensioni e delle distanze, ma che avevano l'impressione generale che questi oggetti discoidali erano sensibilmente più grandi degli aerei normali. Smith sottolineò inoltre ,
che non aveva preso sul serio le news della settimana precedente che coniarono il termine  "disco volante". Ma, dopo aver visto questi oggetti non convenzionali , un totale di nove unità , veloci e senza ali , la sera del 4 luglio 1947, divenne molto più interessato alla materia. Tuttavia , ha il comandante Emil J. Smith  sottolineò che non aveva alcun motivo di speculare sulla loro vera natura o la loro origine. Del personale della United Air Lines che conosceva bene il comandante Smith , attestarono la sua completa affidabilità.
Discussione. - L'avvistamento del volo United Air Lines è di grande interesse storico, perché gli è stato, ovviamente, dato molto più credito di tutti gli altri 85 avvistamenti UFO pubblicati sui  resoconti della stampa , il 4 luglio 1947 . Anche se non fu l'avvistamento UFO più impressionante fatto da un equipaggio di un aereo di linea, tuttavia, è significativo. E 'avvenuto con il bel tempo, per un tempo totale stimato in 10-12 minuti , il fenomeno è stato visto da più testimoni , di cui due osservatori esperti che hanno familiarità con i dispositivi aerei, ed è stato fatto sopra una quota di 1000 metri. di altitudine (salita-out) che, insieme con il fatto che i nove oggetti sono stati visti ben al di sopra dell'orizzonte, esclude del tutto i fenomeni ottici come una spiegazione pronta. Si è ufficialmente classificato come un " non identificato ".
------------------------
Il "Capitano Smith dichiarò che sapeva quello che avevano visto, e non erano riflessi , né fumo , né fuochi d'artificio, né aerei."



il Co-pilota Ralph Stevens, Kenneth Arnold, e il Capitano. Emil. J. Smith


http://www.ufoevidence.org/cases/case723.htm 

Piloti di linea osservano un UFO a forma di disco in rapido movimento sopra l'Arkansas

il Douglas DC 3 protagonista dell'incontro con l'ufo
Il 20 marzo 1950, il capitano Jack Adams ed il suo primo ufficiale G.W. Anderson, Jr  , stavano volando per un volo commerciale . Alle 21:26, il capitano Adams catturò l'attenzione del Capitano Anderson su un oggetto che a quanto pare stava volando ad alta velocità, l'aereo si avvicinava da sud in direzione nord. Il capitano dell'Adams concentrò la sua attenzione sull'oggetto. Entrambi i membri dell'equipaggio lo guardarono mentre passava davanti a loro e uscì poi di vista verso destra. L'osservazione, durò circa 25/35 secondi , e si è verificò a circa 15 km a nord di una città di Stuttgart in Arkansas. Quando l'oggetto passò davanti all'aereo di linea, non era a più di 1/2 miglia di distanza e ad una altitudine di circa 1000 piedi più in alto l'aereo.
L'oggetto sembrava essere circolare, con un diametro di circa 100 metri e con un'altezza verticale sensibilmente inferiore al diametro, dando all'oggetto una forma discoidale. Al centro in alto c'era una luce lampeggiante emettente circa 3 flash al secondo. Questa luce era così brillante che sarebbe stato impossibile guardarla continuamente se non fosse stata lampeggiante. Questa luce fu visibile solo quando l'oggetto si stava avvicinando e dopo aver passato l'aereo. Quando l'oggetto passò davanti agli osservatori, il lato inferiore era visibile. Il lato inferiore sembrava avere 9-12 oblò simmetrici ed ovali o circolari situati in un cerchio circa 3/4 della distanza dal centro verso il bordo esterno. Attraverso questi oblò era visibile una luce morbida di colore viola circa l'ombra di linea degli aeromobili senza virare. Considerando la visibilità, il periodo di tempo dell'oggetto in cui è stato in vista, e la distanza dall'oggetto , il Capitano dell'Adams stimò la velocità dell'oggetto superiore a 1000 mph.


disegno del capitano Jack Adams


illustrazione dell'oggetto da sopra e dall'angolatura inferiore

il primo ufficiale G. W. Anderson (sinistra) e il Capitano Jack Adams. 

http://www.ufoevidence.org/cases/case677.htm

venerdì 19 ottobre 2012

Appuntamento da non Perdere!


" L'incontro " di Gandor / Bethune

Rapporto dell'equipaggio , sull'avvistamento
Il 10 febbraio 1951, un volo US Navy, Atlantic / Continental Air Transport Squadron 1 , basato alla USN Air Station di Patuxent River, Maryland , era fuori di Keflavik, Islanda a 49-50 gradi di latitudine nord e 50-03 gradi di longitudine ovest a circa 150 km [90 miglia] a ovest di Gander, Terranova sull'Oceano Atlantico. Il velivolo era probabilmente diretto a Gander per rifornirsi di carburante a giudicare dalla sua posizione e la rotta di 230 gradi veri , anche se il rapporto non menziona questo. Il Tenente Graham Bethune della US Naval reserve, copilota del volo 125, occupava il posto del capitano sul lato sinistro della cabina di pilotaggio sull'aereo passeggeri , quando avvistò un enorme oggetto di [almeno] 300 metri di diametro in rotta di collisione con il loro aeromobile.Il copilota ha dichiarato nel suo rapporto ufficiale, "... ho osservato un fascio di luce sotto l'orizzonte circa 1.000 a 1.500 piedi [330-470 metri] sopra l'acqua. Lo abbiamo osservato entrambi [il pilota e] la sua rotta e il suo movimento per circa 4 o 5 minuti prima di chiamare all'attenzione gli altri membri dell'equipaggio .... Improvvisamente il suo angolo di attacco cambiò. La sua altitudine e la sua dimensione erano aumentate , come se la sua velocità fosse superiore alle 1.000 miglia [1.670 km] per ora. Si avvicinò in così in fretta che la prima sensazione è stata che avremmo avuto una collisione a mezz'aria. In quel momento il suo angolo ed il colore erano cambiati. Allora poi [apparve] circolare e di colore arancio e rossastro lungo il suo perimetro., invertendo la sua rotta e triplicando la sua velocità fino a che fu visto scomparire oltre l'orizzonte. "La relazione del copilota continua a dire che l'oggetto arrivò a cinque miglia dal loro aereo che fu confermato da prove radar dell'incontro perché l'oggetto era stato rintracciato dal Radar di terra DEW nella base di Goose Bay, Labrador.--------------------------------------------------Testimonianza di Graham Bethune alla conferenza stampa del Disclosure Project presso il National Press Club, Washington, DC, 2001.. "Circa 300 miglia al di fuori di Argentia, Terranova, vidi un bagliore sull'acqua mentre ci avvicinavamo a quel bagliore , si è rivelato in centinaia di cerchi di luci bianca sull'acqua . Lo abbiamo guardato per un po' e quando le luci si sono spente, non c'era nulla sull'acqua. La cosa successiva che abbiamo visto era un alone giallo che era molto piccolo , a circa 15 miglia di distanza. E salito fino a 10.000 piedi in una frazione di secondo. ho disinserito il pilota automatico e ho spinto il muso in su , perché stavo per andare contro l'oggetto che veniva verso di me. Nel momento che feci questo , era arrivato fino alla nostra quota e potei vedere che non c'era nulla al di fuori della cabina di pilotaggio , tranne quel velivolo. ""Non sapevo da che parte andare poi tutto ad un tratto ho sentito una baccano e  non sapevo cosa fosse e ho detto:... '? Che diavolo era quello' Uno dei membri dell'equipaggio si guardò intorno e disse: 'Tutti [sull'aereo] si erano tuffati [basso] e si scontrarono [tra loro] Erano tutti sdraiati sul [pavimento del piano] ".."Allora [l'UFO] apparve sulla destra, muovendosi lentamente e volando con noi. Non era alla nostra quota, ma potemmo vedere la sua forma . Era una cupola e ho potuto vedere lo scarico coronale. Sono andato indietro a poppa, lasciando che l'altro pilota, Al Jones, prendesse il mio posto, e siamo andati a vedere se i passeggeri erano OK , alcuni avevano urti e contusioni , un passeggero era un medico così sono andato da lui un primo momento ho detto:... 'Doc, hai visto quello che abbiamo visto? ' Lui mi guardò dritto negli occhi e ha detto: '. Sì, era un disco volante' Egli ha detto: 'Io non ho guardato perché non credo in queste cose.' Mi ci sono voluti un paio di secondi a capire quello che stava dicendo. Essendo uno psichiatra, non riusciva a credere a questo genere di cose. ""Così sono tornato alla cabina di pilotaggio e dissi: 'Al, qualunque cosa tu faccia, non dire a nessuno quello che abbiamo visto. Loro ci bloccheranno non appena arriviamo a terra.' Ma lui rispose: 'E' troppo tardi ho appena chiamato il controllo Gander [in Newfoundland] per vedere se potevano rintracciare l'oggetto con il radar. '.
"Era evidente dalle domande e il comportamento degli uomini della Marina degli Stati Uniti che li interrogarono , che avevano visto le cose prima. Quando l'equipaggio fu restituito al Centro Patuxant River Naval Air test nel Maryland, venne chieso a ciascun membro dell'equipaggio , di scrivere un rapporto... "


Il pilota Graham Bethune




http://www.ufoevidence.org/cases/case980.htm 

mercoledì 17 ottobre 2012

UFO a forma di sigaro avvistato sopra il Kilimanjaro avvistato dai piloti e passeggeri

Il Lockheed Lodestar model 18
Uno dei primi rapporti e più spettacolari dell'Africa riguarda l'avvistamento di un enorme UFO a forma di sigaro che aleggiava sul famoso Mt.Kilimanjaro il 19 febbraio 1951. L'UFO venne fotografato da un aereo della East African Airways in volo nelle vicinanze. Dopo essere rimasto immobile per un lungo periodo di tempo, l'oggetto improvvisamente saliì vertiginosamente e scomparve.

L'avvistamento venne descritto dettagliatamente sul Nairobi Sunday Post , del 25 febbraio 1951, dal capitano Jack Bicknell, pilota dell'aereo East African Airways. Il Lockheed Lodestar lasciò Nairobi Ovest alle 7:00 alle 7:20 del mattino, l'ufficiale radio (DW Merrifield) attirò l'attenzione del Capitano Bicknell su un oggetto luminoso come una stella bianca appesa immobile a circa 10.000 piedi sopra il Kilimanjaro . La sua prima reazione fu di non dire nulla. Lo guardarono per tre minuti. Poi misero al corrente i passeggeri riguardo a quell'oggetto. Uno di loro aveva una coppia molto potente di binocoli e cominciò a studiarlo. Nel frattempo, trasmisero un messaggio radio fino a Eastleigh per descriverlo. Eastleigh chiese di verificare se si trattava di un pallone meteorologico. Il Capitano Bicknell allora lo esaminò per alcuni minuti con il binocolo ... [A questo punto l'aereo si era avvicinato con un'approssimazione di circa 50 miglia della montagna] ...
"Attraverso i vetri ho visto un oggetto metallico , a forma di proiettile che doveva essere più di 200 metri di lunghezza. In fondo c'era una piazza messa di taglio come una pinna verticale. Suo colore era un argento opaco, e ad intervalli regolari lungo la fusoliera c'erano delle bande scure verticali . Il suo contorno era chiaro e nitido e non c'era torbidità su di esso ... Era assolutamente fermo, e rimase così per 17 minuti ... [Capt Bicknell afferma che due passeggeri hanno scattato fotografie in quel momento]
"Poi cominciò a muoversi verso est, in aumento. Scomparve a circa 40.000 piedi ... La macchina non lasciava scia di vapore, e non aveva mezzi visibili di propulsione ... La mia impressione era che era sicuramente una macchina volante di qualche tipo. "


disegno dell'UFO avvistato dal Capitano Bicknell


http://www.ufoevidence.org/cases/case648.htm 

martedì 16 ottobre 2012

UFO a forma di disco sfugge all'inseguimento di un pilota

ricostruzione dell'avvistamento , fatto dal testimone
Un oggetto grigio a forma di disco che aleggiava, barcollando sul suo asse , fu avvistato il 2 ottobre 1961 sull'aeroporto di Salt Lake City, Utah .Il Pilota Privato Waldo J. Harris, un agente immobiliare, studiò l'oggetto dal suo piccolo aereo come altre 8-10 persone del personale di terra dell'aeroporto . Mr. Harris compilò un modulo di rapporto NICAP il 10 ottobre, e poi rispose alle domande di un membro della sottocommissione NICAP. La sua relazione:. "Mi stavo preparando a decollare con un Mark Mooney 20A dalla pista Nord-Sud dello Utah Central Airport quando ho notato un punto luminoso nel cielo sopra l'estremità meridionale della Valle del Lago Salato ho iniziato il decollo senza prestare molta attenzione al punto luminoso, che ho pensato si trattasse di qualche aereo che rifletteva il sole . Dopo essere stato in volo ed essermi regolato per la mia salita iniziale, ho notato che la macchia era ancora circa nella stessa posizione prima . Pensavo ancora che si trattasse del sole che si rifletteva da un aereo, così ho fatto la mia virata in base del circuito di traffico, e stavo per virare in sottovento quando ho notato che il punto era ancora nello stesso punto."Ho virato fuori dal circuito di traffico e mi sono diretto verso il punto dell'avvistamento per ottenere una visuale migliore. Mentre mi avvicinavo ho potuto vedere che l'oggetto non aveva ali né coda né altre superfici di controllo esterne sporgenti da quello che sembrava essere la fusoliera. Sembrava di essere in bilico con un movimento a dondolo . Come andava su lontano da me, ho potuto vedere che si trattava di un oggetto a forma di disco. direi il diametro a circa 50 a 55 piedi, lo spessore in mezzo a circa 8-10 piedi. Aveva l'aspetto di alluminio satinato. era senza porte o finestre o altre aperture, né ho visto i portelli del carrello di atterraggio , ingranaggi ..."Credo che nel punto più vicino ero a circa 2 chilometri dall'oggetto, alla stessa quota o poco sopra l'oggetto. Si alzò di scatto circa 1000 piedi sopra di me , il che mi diede una vista eccellente del lato inferiore, che era esattamente come il lato superiore, per quanto ho potuto vedere. Poi è andato su un percorso di circa 170 ° per circa 10 miglia, dove ancora una volta aleggiava con quel leggero dondolio ."Ho di nuovo avvicinato l'oggetto, ma non così da vicino questa volta, quando partì per un percorso di circa 245 gradi in arrampicata a circa 18-20 gradi sopra l'orizzonte. Andò completamente fuori vista in 2 o 3 secondi. Come sapete , possiamo mantenere i nostri jet più veloci in vista per alcuni minuti , il che fa capire che l'oggetto si muoveva piuttosto rapidamente."Per tutto il tempo che ho osservato l'oggetto, dopo aver ricevuto la conferma visiva da terra, stavo descrivendo quello che avevo visto , sulla radio frequenza unicom. Stavo rispondendo alle domande da terra sia da Utah centro, che a Provo. La voce disse che a Provo non riuscivano a vedere l'oggetto, ma almeno 8 o 10 persone lo avevano visto da terra dallo Utah Central Airport."Come lo vidi di nuovo , stavo tornando al campo dopo che era partito, quando mi è stato chiesto via radio se potevo ancora vedere l'oggetto, e io risposi che non potevo. Mi fu risposto che l'oggetto era in vista di nuovo. Così ho virato per tornare indietro e lo rividi a distanza molto maggiore solamente per circa un secondo o due, quando poi scomparve completamente. I ragazzi sul campo dissero che era andato verso l'alto per poi scomparire completamente, ma non videro la partenza. 

"Nel modulo relazione del NICAP, il signor Harris ha sottolineato che l'UFO era "passato sotto l'orizzonte di fronte alle montagne a sud." Questo fatto esclude ogni spiegazione astronomica.

http://www.ufoevidence.org/cases/case638.htm 

venerdì 5 ottobre 2012

Esperto pilota e passeggero avvistano UFO a forma di disco con cupola in cima

disegno fatto da Powell dell'ufo avvistato
Un pilota con 18.000 ore di volo e il suo passeggero fecero un avvistamento di un UFO a forma di disco con una cupola sulla parte superiore , nel pomeriggio del 21 maggio 1966 nei pressi di Willow Grove, Pa. "E 'stato chiaro come vedere una Cadillac che sbanda da a 100 metri ", disse William C. Powell. Attualmente attivo come pilota di executive, Powell era un pilota per le compagnie aeree KLM olandese, e prima per la US Air Force e RCAF.

Nel corso di una tavola rotonda sugli UFO prima di una riunione annuale della American Society of Newspaper Editors a Washington, DC (22 aprile 1967), Powell descrisse la sua esperienza. (Ulteriori dettagli sono tratti dalla relazione di prima mano nei file di NICAP). Powell volava a Luscombe a circa 4500 piedi vicino a Willow Grove, Pennsylvania, con 15 miglia di visibilità (
24.1401 Km ) . Verso le 03:15, dopo aver visto il volo di un jet della marina in salita dalla Willow Grove Naval Air Station, Powell vide un oggetto molto vicino dietro i jet. Notando che l'oggetto non aveva sporgenze come un aereo, lo osservò più da vicino e lo vide fare una brusca virata di 150-160 gradi e dirigere verso il suo aereo. Come l'UFO passò sotto la sua ala a dritta, Powell vide che si trattava di un oggetto strutturato. Sembrava a circa 100 metri di distanza, e di 30-40 piedi di diametro. La configurazione generale era discoidale, la cui base era rosso brillante, e la cupola era di un bianco scintillante.

Powell e il suo passeggero, Miss Muriel McClave, si girarono di scatto come l'UFO passò e lo osservarono brevemente attraverso il finestrino posteriore destro, poi è improvvisamente scomparve. Powell in seguito fu chiamato alla Willow Grove Naval Air Station per segnalare l'incidente. Lui aveva volato su una rotta a nord-ovest, dietro i jet della marina. L'UFO attraversò il parabrezza da sinistra a destra, fece la brusca virata di fronte a lui , si avvicinò a testa alta e passò alla sua destra, scomparendo su una rotta a sud-est.

Powel stimò la velocità dell'ufo in 200 mph ( 322 Km/h )


http://www.nicap.org/reports/660521willowgrove_report.htm 

 

Pilota "fugge" da un UFO gigante a forma di cono

A Winter Haven, in Florida , un pilota privato riferiì di essere fuggito da un gigantesco UFO a forma di cono che aveva mantenuto il suo aereo in ombra per circa tre minuti la mattina del 20 settembre 1966. James J. O'Connor, un ex investigatore dell'esercito , volava a 9500 piedi in un piccolo aereo privato vicino a Sebring, in Florida, a circa 10 am (EST), quando notò quello che sembrava essere un oggetto a forma di triangolo sopra di lui. Curioso, salì verso l'oggetto, ma si stabilizzò a circa 10.000 piedi perché non aveva l'ossigeno. Poi l'UFO cominciò ad aumentare le dimensioni, apparentemente scendendo verso il suo aereo e di stimolazione lui.
O'Connor era un po 'innervosito, ma "più curioso che spaventato.",  cronometrò la discesa del UFO a 37 secondi. L'oggetto aveva un rumore  come "un suono", di pneumatici di automobile su un marciapiede bagnato. Quando il suo aereo fu completamente in ombra dell'oggetto per alcuni minuti e continuò a seguirlo, O'Connor iniziò a diventare apprensivo. Tirò su il suo aereo , riducendo la potenza ed entrando in stallo, le scendendo più in fretta che poteva, senza mettere sforzo eccessivo al suo piccolo aereo. Scese a 3500 piedi prima di guardare di nuovo. "In quel momento ho avuto paura", riferiì poi. "Quella cosa non era cambiata di dimensioni , ma era ancora con lì . Ed era grande come un campo di calcio."
In breve O'Connor pensò di sparare all'UFO con una calibro 38 special , che teneva nella cabina di pilotaggio, ma in quel momento l'oggetto sembrò cambiare a forma di un cuneo, poi una linea sottile, e poi scomparve. "Mi resi conto che stava salendo," disse O'Connor, "fece una rotazione in una virata di 360 gradi. Non abbiamo un aereo che potrebbe fare questo credo. Era più come la cosa stava "cadendo in su '".
O'Connor stimò che l'UFO lo aveva seguito per 17 minuti. L'avvistamento avvenne alla luce del sole con un cielo limpido e solo alcuni alto-cirri ad alta quota. Quando si accorse dell'oggetto sopra di lui , - O'Connor aprì il suo cupolino e guardò verso l'alto . Stava volando in VFR da Winter Haven a Miami al momento. Quando l'UFO interruppe il suo esercizio, O'Connor ottenne una vista della parte inferiore di un cono, rivolta verso l'alto.


http://www.ufoevidence.org/cases/case552.htm 

Un disco " bombato " vicino ad un aereo di linea confermato dal radar

Un Douglas DC-8
Un DC-8 cargo in volo da St. Louis a Dallas il 14 febbraio 1973, verso le 02:30 in un punto vicino a McAlester, Oklahoma, il copilota nota quello che ha pensa sia un altro aereo appena sotto il bordo dell'ala destra a circa 5.000 piedi (1.500 metri) di distanza. L'oggetto volava sulla stessa rotta e alla medesima velocità del DC-8, mantenendo costante la posizione. Solo la sua luce fissa color ambra sembrava non convenzionale.

Improvvisamente l'oggetto si alzò verso l'alto come un ascensore, fece una brusca virata e si avvicinò al DC-8, prendendo una posizione a circa 300 iarde (270 metri) di distanza e un po 'sopra di loro. Era a forma di disco con una cupola trasparente sulla parte superiore, color argento, con una superficie levigata che rifletteva la luce della luna. Oltre ad alcune sporgenze tozze non c'erano altre caratteristiche visibili.

Il capitano accese il radar meteo e confermò che c'era qualcosa di reale e solido . Quando il fascio radar colpiì la sua superficie , l'oggetto reagiì immediatamente , salendo verso l'alto , poi si spostò lateralmente sul DC-8 e brevemente fuori dalla vista. L'oggetto riapparve rapidamente, scendendo verso il basso e assunse una nuova posizione appena sotto il bordo della fascia dell'ala sinistra. E 'quindi scese al di sotto e dietro l'aereo , improvvisamente riapparve a circa 300 piedi (90 metri) sotto di loro.

Guardando verso il basso nella cupola poco illuminata, i piloti videro muoversi 2 o 3 entità indistinte. L'oggetto poi si lanciò in avanti, effettuando vari movimenti oscillatori e una secca virata prima di accelerare e uscire fuori dalla portata visiva. Scomparve dal campo di applicazione radar ad una distanza di 50 miglia (80 km) .


http://www.ufoevidence.org/cases/case15.htm 

Il caso " Coyne "

Un UH-1H
Il caso Coyne (o "incidente dell'elicottero dell'esercito") si distingue come, forse il più credibile (nella categoria di "alta stranezza") dell'ondata 1973. Un equipaggio di 4 uomini di un elicottero della riserva dell'esercito , avvistò un oggetto a forma di sigaro di colore grigio e di aspetto metallizzato , con strane luci e compiva insolite manovre, mentre erano in volo fra Columbus e Cleveland, Ohio. ( l'equipaggio vinse il premio NATIONAL ENQUIRER Blue Ribbon Panel's , di 5000$ , la relazione più scientificamente importante del 1973.)

Il 18 ottobre 1973, alle 10:30 circa , un elicottero UH-1H della Riserva dell'Esercito degli Stati Uniti lasciò Port Columbus, Ohio, per la sua base di origine di Cleveland Hopkins , 96 miglia nautiche a nord-nord-est. In comando, nella parte destra del sedile anteriore, il capitano Lawrence J. Coyne, trentasei anni, con diciannove anni di esperienza di volo. Ai comandi, a sinistra-sedile anteriore, sedeva il tenente Arrigo Jezzi, ventisei anni, un ingegnere chimico. Dietro Jezzi , si trovava il Sergente John Healey, di trentacinque anni, un poliziotto di Cleveland che era il medico di volo, e Coyne era il capo equipaggio, Sergente Robert Yanacsek, ventitré anni, un tecnico di computer. L'elicottero stava incrociando a 2.500 metri sul livello del mare ad una velocità indicata di novanta nodi (167 Km/h), sopra le colline, boschi misti, e terreni agricoli , con una media di 1.200 mt elevazione. La notte era del tutto chiara, calma e stellata. L'ultimo quarto di luna stava sorgendo.

Una decina di km a sud di Mansfield, Healey notò una singola luce rossa verso ovest, che stava volando verso sud. Sembrava più luminosa di una normale luce sull'ala di un aereo, ma non era stato considerato il traffico rilevante . Si stima che circa due minuti più tardi, verso le 11:02, Yanacsek notò una singola luce rossa sul lato sud-est dell'orizzonte. Pensò che era o una torre radio-faro o di una luce di navigazione sull'ala di qualche velivolo leggero - molto probabilmente un aereo, dato che non lampeggiava - e lo vide "per un lungo periodo di tempo, da un minuto a novanta secondi" prima di richiamare l'attenzione di Coyne . Coyne, stava fumando, lanciò un'occhiata, e osservò la luce, pensando che fosse il traffico distante e disse casualmente a Yanacsek di "tenere un occhio su di esso."

Dopo circa altri trenta secondi, Yanacsek esclamò che la luce aveva virato verso l'elicottero e sembrava essere su un percorso di volo convergente. Coyne verificata la valutazione di Yanacsek, afferrò i controlli da Jezzi, e mise l'UH-1H in una discesa a motore di circa 500 metri al minuto. Quasi contemporaneamente, Coyne stabiliì un contatto radio con la torre di controllo di Mansfield, dieci miglia a nord-ovest. Coyne pensò che il velivolo era un  F-100 dell'Air National Guard proveniente da Mansfield. Dopo una prima risposta ("Qui è Mansfield Torre, andare avanti Army 1-5-triplo-4"), il contatto radio venne perso. Jezzi tentò poi la trasmissione sia sulle frequenze UHF che VHF ma senza successo. Anche se il canale e i toni di codifica erano stati entrambi ascoltati, non vi fu alcuna risposta da Mansfield, e un controllo fatto a posteriori da Coyne rivelò che  Mansfield non aveva su nastro neanche la trasmissione iniziale, l'ultimo F-100 era atterrato alle 22:47 .

La luce rossa continuò il suo percorso radiale e aumentando notevolmente di intensità. Coyne aumentò la sua velocità di discesa a 2.000 piedi al minuto e la sua velocità relativa di 100 nodi (185 Km/h). L'altitudine ultima  mera di 1.700 piedi (518.16 mt). Una collisione appariva oramai imminente, la luce sconosciuta interrppe la sua rotta verso ovest e si fermò in hovering sopra e davanti all'elicottero. "Non era in crociera, si era fermato forse per 10-12 secondi -. " si è solo fermato ", segnalò Yanacsek . Coyne, Healey, e Yanacsek concordavano sul fatto che a forma di sigaro, un oggetto leggermente bombato , con un angolo sotteso di quasi la larghezza del parabrezza anteriore. Una struttura grigia e di aspetto metallico si delineava con precisione contro le stelle di sfondo. Yanacsek riportò "una serie di finestre" lungo la parte superiore della cupola . La luce rossa emanata dalla prua, una luce bianca divenne visibile a poppa leggermente rientrata, e poi, da poppa / al di sotto, divenne visibile un cono di luce verde , equiparato ad un faretto direzionale . Il raggio verde passò verso l'alto sopra il muso dell'elicottero , ribaltabile verso l'alto attraverso il parabrezza, continuando verso l'alto e dentro i pannelli colorati delle finestre superiori. A quel punto (e non prima), il cruscotto fu avvolto da luce verde. Jezzi riportò solo una luce bianca, paragonabile alla luce di testa di un piccolo aereo, visibile attraverso i pannelli del parabrezza. Dopo i circa dieci secondi di "hovering", l'oggetto cominciò ad accelerare verso ovest, ora con solo la luce bianca di "coda" visibile. La luce bianca mantenne la sua intensità anche se la distanza sembrava aumentare, e, infine, (secondo Coyne ed Healey),  eseguiì una svolta decisa di 45 gradi a destra,  dirigersi verso il lago Erie, e poi scattare oltre all'orizzonte. Healey riferiì che mentre guardava l'oggetto in movimento verso ovest "per un paio di minuti." Jezzi disse che si muoveva più veloce del limite di 250 nodi (463 Km/h) per gli aerei sotto i 10.000 piedi, ma non veloce come i 600 nodi velocità (1111 Km/h) di avvicinamento riportato dagli altri. Non proveniva nessun rumore dall'oggetto o turbolenza durante l'incontro, ad eccezione di un "bump", come l'oggetto si allontanò verso ovest. Dopo che l'oggetto aveva interrotto il suo hovering , Jezzi e Coyne osservò che il disco della bussola magnetica stava ruotando circa quattro volte al minuto e che l'altimetro leggeva circa 3.500 piedi, ed era in corso una salita di 1.000 piedi al minuto. Coyne insistette sul fatto che il collettivo si trovava ancora a fondo corsa , dalla sua discesa evasiva. Dal momento che il collettivo non poteva essere ulteriormente ridotto, non aveva altra alternativa che alzarlo, quali che fossero stai i risultati, e dopo pochi secondi di una cauta manovra di controllo (nel corso del quale l'elicottero raggiunse quasi 3.800 piedi), raggiunsero un controllo positivo . A quel punto la luce bianca si era già spostata nella zona di Mansfield. Coyne era stato subliminalmente consapevole della salita, ma non tutti gli altri , ma erano stati tutti perfettamente a conoscenza delle forze-g durante la discesa. L'elicottero fu stato riportato alla quota del piano di volo di 2.500 metri, il contatto radio fu stabilito con Canton / Akron, e la notte proseguì senza complicazioni procedendo verso Cleveland. 

Dei presunti testimoni a terra di questo evento furono trovati da William E. Jones e Warren Nicholson, due ricercatori UFO indipendenti da Columbus, Ohio.

La signora E.C. e quattro adolescenti stavano guidando a sud di Mansfield diretti alla loro casa rurale il 18 ottobre 1973, alle 23:00 circa, quando furono attratti da una sola luce fissa di colore rosso. che volava a sud "ad una quota media." La guardarono forse per mezzo minuto fino a che scomparve a sud sopra gli alberi.
 


Circa cinque minuti più tardi, ora in direzione est sulla Route 430, avvicinandosi alla Charles Mill Reservoir, la famiglia si rese conto di due luci brillanti - rossa e verde - che stavano scendendo rapidamente verso di loro da sud-est. Quando la prima volta, la distanza angolare tra le luci era di circa 2 gradi, la luce rossa sembrava essere quella leader. La signora C. accostato al ciglio della strada deserta e tenuto le luci del motore e la macchina in funzione. Le luci - più grande di sorgenti puntiformi - rallentato e si è trasferito come unità a destra della vettura e la famiglia si rese conto di un altro gruppo di luci - alcune di queste lampeggianti - e di "un suono battente, "come tante racchette" in avvicinamento da sud-ovest. Due dei ragazzi (cugini, entrambi di tredici anni) saltarono giù dalla macchina e osservarono sia l'elicottero che l'oggetto, che descrissero come " un dirigibile", "grande come un autobus della scuola", "una sorta di forma di pera". L'oggetto a quel punto sottendeva un angolo di campo equivalente a " pacchetto di sigarette tenuto a distanza di un braccio." L'oggetto assunse una posizione in hovering sopra l'elicottero, circa 500 metri dalla strada e 500 piedi sopra gli alberi. (L'elevazione terreno al sito è quasi esattamente 1000 metri sul livello del mare, quindi al rilevato di 1.700 piedi lettura dell'altimetro, l'elicottero era in realtà a circa 650 metri al di sopra degli alberi.) La luce verde dell'oggetto quindi si accese. "E 'stato come se dei raggi venissero giù", dissero i testimoni. L'elicottero, gli alberi, la strada, l'auto - tutto diventò verde "I bambini pieni di paura rientrarono in macchina e la signora C. ha procedette a ritmo sostenuto , il loro tempo totale stimato di fuori della macchina fu." Circa un minuto "Né i testimoni a terra , né l'equipaggio sono sicuri a che punto i due aerei si disimpegnarono , i testimoni di terra riferirono che l'oggetto non identificato si diresse verso il lato nord della strada dietro la macchina, sembrò muoversi verso est per qualche secondo, poi invertiì la sua direzione e salì verso nord ovest verso Mansfield - un percorso di volo che correla perfettamente il movimento dell'oggetto stabilito attraverso l'analisi della relazione l'equipaggio .

Qualsiasi teoria riguardo a che l'oggetto potesse essere una meteora (l'UFO scettico Philip Klass sostenne che l'oggetto era una "palla di fuoco della pioggia meteorica delle Orionidi") può essere facilmente respinta sulla base di: (1) la durata della manifestazione (circa 300 secondi ), (2) la decelerazione marcata e forte-angolo di manovra dell'oggetto all'approccio più vicino , (3) la forma ben precisa dell'oggetto, e (4) il percorso di volo da orizzonte a orizzonte.

La possibilità di velivoli ad alte prestazioni è altrettanto insostenibile quando si esaminano le posizioni ed i colori delle luci rispetto alla traiettoria dell'oggetto. Aver presentato le configurazioni riportate, ed è stato in conformità con le normative FAA, un aereo avrebbe dovuto volare lateralmente, sia in piedi sulla sua coda, di coda verso l'elicottero, o capovolto a testa alta. Altri argomenti contro l'ipotesi aeromobili sono: (1) un velivolo ad ala fissa che si muove attraverso la linea di vista sembrerebbe muoversi più velocemente quando passa direttamente davanti all'osservatore, (2) un velivolo ad ala fissa non avrebbe la capacità di decelerare dalla velocità elevata a "hover" all'interno di pochi secondi, (3) un elicottero avrebbe la capacità di librarsi, ma non sarebbe capace delle alte velocità riportate; (4) un aereo convenzionale, se entro 500 a 1.000 piedi, avrebbe prodotto il rumore udibile all'interno dell'elicottero, (5) la FAA richiede o un lampeggiante o un faro rotante sul parte superiore o inferiore della fusoliera, (6) la FAA richiede che nessun aereo voli al di sotto di 10.000 metri slm a velocità superiore a 250 nodi, (7) alcune delle caratteristiche di un aereo convenzionale sarebbero state viste, ad esempio, le ali, motori, finestre, impennaggi, numeri e logo.

Coyne riferiì che il metodo di controllo non distruttivo
Magnaflux / Zygio era stato applicato ai rotori il giorno seguente e che non vi era stata alcuna indicazione che i rotori erano stati sottoposti a fatica producendo stress. Tempi comparabili / distanze / direzioni sostengono la possibilità che la luce rossa prima vista dalla famiglia C., luce rossa vista da Healey, e l'oggetto dell'incontro erano tutti gli stessi. Luce rossa vista da Yanacsek di sull'orizzonte orientale era sotto costante osservazione e fu inequivocabilmente l'oggetto dell'incontro.

Il caso ha mantenuto il suo elevato grado di "stranezza-credibilità" dopo un'estesa indagine ed analisi.
 



disegno fatto da Coyne
  

http://www.ufoevidence.org/cases/case104.htm